Flowerful



LORENZO BARBERIS

Ripropongo qui un racconto apocrifo attribuito erroneamente a Lovecraft (lo stile è l'opposto del suo), apparso con testo a fronte in una ormai introvabile raccolta in ciclostile del 1966. Probabilmente è frutto del lavoro di qualche discepolo tardo della scuola del New England: non saprei però a chi attribuirlo. Sostanzialmente il brano che riporto è fedele al 99.9% all'originale; mi sono limitato a lasciare come intraducibile il termine "flowerful", di cui la versione italiana dava una traduzione a dir poco ridicola (e parzialmente infedele).

"No, Matthew, qui c'è un errore: non si dice Flowerful."
"Ma io volevo dire "pieno di fiori", una cosa bella! Come lei, Miss Dawn!"
"Sì, è un errore... un errore bello, diciamo. Va bene, Matthew?"
"Quindi ho inventato una parola! Vero, Miss Dawn? Vero?"
"In un certo senso..."
"Ho inventato una parola! Ora tutti devono riconoscere che la parola è mia!"
"Beh, bisogna chiedere alla Miskatonik Linguistic Academy, Matthew. Sono loro che decidono che parole possono stare nel vocabolario. Ma adesso la tua maestra scrive una lettera, ok?"
"Sì, Miss Dawn! Scriviamo una lettera per la mia parola! Tutta la classe deve scrivere una lettera per la mia parola!"
"Certo, Matthew, certo."

*

"Visto? Una lettera di Daisy Dawn."
"Di nuovo un articolo sui suoi metodi di insegnamento rivoluzionari?"
"Qualcosa di simile, ma stavolta è più interessante. In pratica un suo alunno, con un errore creativo,
avrebbe "inventato una parola"!"
"Dio, a che punto è collassata ultimamente la pubblica istruzione?"
"Sì, certo, ma nella lettera in realtà appare più smaliziata di quanto appaia... anzi, la Dawn azzarda anche alcune ipotesi interessanti... non la lettera "da pubblicare", è chiaro, la lettera autentica. Dice che potrebbe essere funzionale alle strategie di Matthew Lawrence. Il bambino si chiama come il governatore, e di cognome fa Finder, perfetto, no?"
"Un po' di messaggi subliminali, in pratica? Boh, giriamo tutto al ministro. In fondo è una linguista pure lei, no? Dico Stephany Johannson."
"Sì, potrebbe risollevare l'immagine anche a lei dopo quello scontro con quei linguisti... si è fatta bella delle loro ricerche alla Miskatonik University quando hanno dovuto lasciare Providence perché i loro fondi erano stati tagliati. Ma la maestra vuole i contatti diretti col governatore Lawrence!"
"Boh, se la vedrà la Johannson."

*

"Cosa ne pensa, governatore Lawrence?"
"Beh, Johannson, il caso Matthew Finder non è male, fa gioco a me e a lei. Mi raccomando però, che tutto passi in mano al PNL Department della Miskatonik University, niente dilettanti allo sbaraglio. Bisogna giocare bene con i simboli, produrre consensi ma anche la giusta dose di attacchi, come insegna Oscar Wilde. La Three Dogs Foundation, per esempio, potrebbe profanare un sonetto di Shakespeare riscrivendolo con la "nuova parola" del piccolo Matthew, com'è già? Flowerful... sì, potrebbe funzionare."

*

"Grande Araldo, i suoi piani hanno funzionato."
"Bravo, Matthew. Sapevo di potermi fidare di te.
Quindi ora flowerful è una parola vera, riconosciuta dalle leggi dello stato?"
"Sì, o araldo. La campagna del Miskatonik Enquirer ha funzionato alla perfezione: le persone si sono affannate a usare "flowerful" in modo da renderla effettivamente una parola di uso comune... anche i suoi detrattori, ovviamente, l'hanno fatto, per schernire o contestare... e così, in capo a un paio di settimane, i linguisti hanno potuto dichiarare la parola esistente. Apparirà nel prossimo New England Dictionary, versione completa."
"Molto bene."
"Ma, se posso permettermi... se la sua maestà mi consente..."
"Misero mezzosangue! Vorresti sapere il perché è vitale, per i Grandi Antichi, che questa parola sia riconosciuta?"
"Io... io... sì, Araldo."
"E sia. Come tu sai, una tappa nel risveglio degli antichi è il richiamo in vita di Margoroth, il Fiore del Male, cantato da Baudelaire nel suo poema folle e dissacrato. Ma il risveglio di Margoroth dal Piano Assiale degli Archetipi Dormienti può avvenire solo traducendo, nella lingua corrente di quel popolo, il termine che lo descrive. Dev'essere una traduzione valida, poiché il rituale abbia effetto. E ora, in inglese, Margoroth l'Orrendo è invocabile: anche l'ultimo verso può essere tradotto.
"E' terribile, Araldo. Meraviglioso, e terribile."
"Ora sai. Va, e continua con i compiti che ti abbiamo assegnato. Ora, grazie a te, l'ora dell'abominio è più vicina. Gli antichi Dei stanno per tornare. E avranno per te una grande ricompensa, quella che il Ciclope offrì a Colui Che Deve Essere Odiato."
"Grazie, Araldo, grazie!"

*

"Sei pronto? E' l'ora."
"Sono pronto. Iniziamo il nostro canto di tenebra, invochiamo il Fiore del Male!"

"Oh flames of the Burney Venetia, hail the maleficent son of Pluto!
Oh Roses of the Purple Magistra, hail the rise of your Unholy Easter!

Oh Margoroth, Thou Flowerful Abomination of Ye Fleshy Bone!"


In cover: disegno di Clark Ashton Smith su un fiore mostruoso in Lovecraft (da qui).

Post più popolari